Team Building

Clima Motivazionale
per Squadre e Associazioni Sportive

Creare il team e sviluppare il clima motivazionale

la squadra

La squadra è quello strano personaggio che vive nello spogliatoio.. tutti ne parlano bene e per tutti è il più importante..Si dice che grazie a lui si raggiungono i successi e tutti lo chiamano in causa quando si presentano delle difficoltà.

t

Squadra o gruppo

Ogni squadra è un gruppo,
ma non tutti i gruppi sono squadra.
Una squadra rappresenta un gruppo di persone che devono interagire per raggiungere obiettivi condivisi
1

preparazione mentale

L’obiettivo dei percorsi di Team Building e di Motivational Climate è di formare staff tecnici e dirigenziali capaci di sviluppare le dinamiche di gruppo e favorire nel migliore dei modi lo svolgimento della paratica sportiva.

preparazione mentale

“tutto è più che la somma delle parti: il cammino è la ricompensa”

Selezione delle abilità psicologiche

  • MOTIVAZIONE
  • AUTOEFFICACIA
  • ATTENZIONE
  • CONTROLLO EMOTIVO
  • LEADERSHIP
  • COMUNICAZIONE

CREAZIONE ESERCITAZIONI ALLENAMENTO

ESERCITAZIONI DI ALLENAMENTO PSICOLOGICO SPECIFICO IN CAMPO

Il programma prevede l’allenamento delle abilità psicologiche IN CAMPO attraverso esercitazioni tecniche cognitive ed esercitazioni situazionali.

PIANIFICAZIONE periodizzazione INTERVENTI

LAVORO  SETTIMANALE IN RELAZIONE ALLA PROGRAMMAZIONE TECNICO TATTICA E ATLETICA

Implementare il programma a seconda dei momenti della stagione, dell’avversario che si affronta e del percorso di sviluppo.
Registrare gli interventi in programmi di lavoro

INCONTRO CONOSCITIVO

Il progetto è incentrato sullo staff tecnico e dirigenziale, chiamato ad occuparsi tanto dello sviluppo personale così come quello del talento sportivo, partendo da una prospettiva globale (fisica, tecnica, tattica e psicologica).

L’obiettivo primario è quindi quello di affrontare con lo staff tecnico temi fondamentali quali il team building e il clima motivazionale, e grazie alle competenze acquisite, di fornire la miglior formazione possibile ai propri atleti.

L’incontro conoscitivo permette di raccogliere una serie di dati per conoscere il gruppo di lavoro da un punto di vista prestazionale e da un punto di vista umano, e tali dati permetteranno di comporre un possibile programma d’intervento.

ALLENARE CLIMA MOTIVAZIONALE

Il modello T-A-R-G-E-T

  • ORIENTAMENTO AL COMPITO
  • CONDIVISIONE DELLE DECISIONI
  • IRINFORZO E RICOMPENSE
  • GRUPPO ELEMENTO DI COOPERAZIONE
  • VALUTARE IL MIGLIORAMENTO
  • IL TEMPO NON E’ TIRANNO
DA GRUPPO A SQUADRA

Le Fasi di Sviluppo

La squadra si sviluppa a partire dal modo in cui gli atleti percepiscono l’interazione tra i membri del gruppo.

Percezione degli atleti determina la creazione del clima

  • FORMAZIONE
  • CONFORMITA’
  • RESISTENZA
  • AZIONE PRESTAZIONE
LEADERSHIP TRAINING

Azioni abilità responsabilità e strumenti

Leader non si nasce ..Si diventa. Il ruolo del leader è assicurare che il percorso verso l’obiettivo da raggiungere sia chiaro alla squadra. Un leader deve sapere quali sono le azioni da mettere in atto, le abilità da apprendere, le responsabilità del ruolo che ricopre e utilizzare gli strumenti per esercitare la propria leadership.
Per queste ragioni, allenatori e manager devono imparare a:

  • ACQUISIRE E UTILIZZARE INFORMAZIONI
  • DEFINIRE OBIETTIVI MOTIVANTI
  • DEFINIRE RUOLI E CONFINI DEL TEAM
  • REPERIRE LE RISORSE NECESSARIE
  • COSTRUIRE UNA STRUTTURA ADEGUATA AGLI OBIETTIVI PREFISSATI
  • FORNIRE MASSIMO SUPPORTO A TUTTI I COMPONENTI
  • PRENDERE DECISIONI CHIARE E COERENTI

Team Building

team building, motivational climate

sviluppare il clima motivazionale

PSICOLOGIA DELL'ALLENAMENTO
La responsabilità dei manager non è solo quella di dirigere la seduta di allenamento e di indirizzare il comportamento dei giocatori, ma di organizzare minuziosamente tutti i contenuti dell’allenamento, il tempo di lavoro, le progressioni didattiche, con l’obiettivo di migliorare le possibilità di rendimento degli atleti.

In questa fase il manager è supportato nella:

  • Pianificazione dell’allenamento
  • Partecipazione alle sedute di allenamento e alle attività complementari
  • Apprendimento di abilità e comportamenti rilevanti
  • Valutazione dell’allenamento
  • Esposizione alle condizioni della competizione
  • Preparazione specifica alla gara
ALLENARE L'AUTOEFFICACIA
Self Efficacy Strategy

  • ESPERIENZA
  • PREPARAZIONE ALLE SITUAZIONI VARIABILI
  • DARE VALORE AL PROGRESSO
  • CREARE UNA SCALA DI OBIETTIVI
  • FAVORIRE L’AUTODIALOGO POSITIVO
  • GRUPPO ELEMENTO DI APPOGGIO
  • DARE RISPETTO E FIDUCIA
ALLENARE LA COESIONE

Questione di chimica

  • INGREDIENTI:
    Capacità individuali
    Abilità psicologiche
    Necessità psicologiche
  • FORMULA:
    Obiettivi comuni
    Identità collettiva
    Norme
    Ruoli
  • CATALIZZATORI:
    Comunicazione
    Leadership
    Strategie Organizzative
    Strategie Comportamentali

COESIONE INTERNA

COMMUNICATION TRAINING

Strategie per comunicare in allenamento e competizione

E’ impossibile non comunicare.. ma comunicare in modo efficace si può imparare! 
Ogni allenatore deve certamente possedere la conoscenza della materia, ma ciò̀ che contraddistingue un grande allenatore o manager è l’abilità a assimilarla, riassumerla e trasmetterla.
Molti operatori del settore espongono i concetti incontrando però molte difficoltà a trasmetterli in modo efficace ai loro atleti trovandosi di frequente in situazioni che palesano incongruenza tra ciò che viene detto e quello che invece si trasmette.

Si utilizzano una serie di strategie cognitive per rendere l’allenatore e il manager capaci di gestire al meglio la:

  • Comunicazione Verbale
  • Comunicazione NON verbale